Anatomia di un mercato rialzista statunitense

La ripresa del mercato statunitense a partire da ottobre è eccezionale rispetto agli standard storici: il 1989 è l’unico anno negli ultimi 50 anni in cui l’indice S&P 500 è salito in 15 delle ultime 17 settimane. Lo slancio attuale potrebbe continuare, ma dopo questo numero eccezionale di aumenti successivi, la probabilità di un consolidamento a breve termine è aumentata. Questo rally è tanto più eccezionale perché si è verificato indipendentemente dalle variazioni dei tassi di interesse. Tutto è iniziato alla fine di ottobre 2023 con l’anticipazione della svolta delle banche centrali nel 2024 e indipendentemente dal numero di tagli dei tassi previsti (7 tagli previsti per il 2024 il 23 dicembre per la Fed, rispetto ai 3 di oggi).

Grafico degli utili settimanali di S&P

 

I “Magnifici 6” contro il mondo, l'eccezione continua...

La stagione della pubblicazione degli utili ha continuato a sostenere il rialzo dei mercati azionari. Ciò è particolarmente vero negli Stati Uniti, dove la crescita del mercato resta molto concentrata attorno ai “magnifici 7” o “6” se si esclude Tesla, in difficoltà dall’inizio dell’anno.

Il quarto trimestre dello scorso anno ha registrato ottimi risultati, superando leggermente le aspettative e segnando un aumento del 7% su base annua degli utili per azione (EPS) dichiarati. Questo aumento indica un’accelerazione rispetto al trimestre precedente, con un diffuso superamento osservato in tutti i settori, sebbene i materiali e i servizi di pubblica utilità siano rimasti al di sotto delle stime di consenso. I Magnifici 6 (ex Tesla), hanno registrato una crescita notevole del +68% su base annua, rispetto ad un modesto -4% per le altre società. Allo stesso modo, le large cap statunitensi hanno visto i loro utili per il 2024 rivisti al rialzo, mentre il resto dei titoli ha rivisto al ribasso le proprie stime. Si prevede che la crescita delle spese in conto capitale, rallentata durante il quarto trimestre, riprenderà nel 2024, trainata dagli investimenti domestici e legati all’intelligenza artificiale. Nonostante le deboli previsioni per il primo trimestre, il sentiment delle imprese è migliorato, indicando un ciclo di utili positivo. Al contrario, in Europa, i profitti sono diminuiti nel quarto trimestre, con i settori dei materiali e quello industriale nel complesso più deboli.

Le previsioni di crescita degli utili per il 2024 sono ora del 3-4% per l’Europa e quasi del 10% per gli Stati Uniti, mentre il rimbalzo previsto nei mercati emergenti è impressionante (+16%). Sebbene le aspettative per i mercati emergenti possano essere discutibili, il raggiungimento di una crescita degli utili così forte dipenderà in particolare dalla capacità della Cina di generare crescita, in un paese che ha costantemente deluso negli ultimi anni. In Europa, le aspettative sono più modeste e realistiche, data la continua debolezza della crescita economica. Negli Stati Uniti, l’economia rimane estremamente resiliente e il divario di crescita del reddito transatlantico potrebbe ancora una volta monitorare la differenza nella performance economica.

 

 

...alimentando un posizionamento e un sentiment sempre più rialzisti

Il buon andamento dell’attività economica e dei profitti aziendali ha alimentato un sentimento sempre più ottimista tra gli investitori.

Uno degli ultimi sondaggi di BofA Merrill Lynch mostra grande ottimismo. Solo il 4% dei 240 intervistati ritiene che ci sarà una recessione negli Stati Uniti nel 2024. Si tratta di un cambiamento significativo rispetto allo scorso anno, quando l’85% di queste stesse persone ne era preoccupato. È interessante notare che solo il 7% di loro è realmente preoccupato che l’aumento dei prezzi possa danneggiare gli investimenti. Le prospettive di mercato mostrano un sentiment generalmente positivo, con la maggior parte degli investitori che si aspetta una continuazione del mercato rialzista e preferisce le azioni alle obbligazioni e alla liquidità. Le azioni statunitensi sono le più favorite, seguite dal Giappone, mentre l’Europa è considerata ribassista per la prima volta dal 2019.

I flussi mostrano che sempre più persone preferiscono le azioni, mentre le obbligazioni sono un po’ meno popolari. Come lo scorso anno, la liquidità, la cui remunerazione rimane elevata, resta una scommessa sicura per il 10% degli investitori. Sui mercati azionari, gli investitori mantengono le esposizioni concentrate su un numero limitato di società: le “magnifiche 7” negli Stati Uniti e le “Granolas” in Europa. Le società a piccola e media capitalizzazione hanno registrato performance negative dall'inizio dell'anno. Sebbene persistano le preoccupazioni sulla concentrazione delle posizioni, il sentiment e il posizionamento rialzisti rimangono possibili, in particolare in un contesto di potenziali rotazioni verso asset rischiosi e titoli in ritardo.

Una più ampia partecipazione da parte di altri settori e regioni dipenderà ora dalle dinamiche economiche e dai profitti aziendali, in un contesto di inflazione controllata. E qui sta una delle vulnerabilità del mercato. L’inflazione non è più una preoccupazione per gli investitori e il principio di una svolta accomodante è stato escluso.

 

  • Nadège Dufossé, CFA
    Nadège Dufossé
    Global Head of Multi-Asset, Member of the Executive Committee

Ricerca rapida

Ottenere informazioni più velocemente con un solo clic

Ricevi approfondimenti direttamente nella tua casella di posta elettronica