Offrire il miglior rendimento rettificato per il rischio

Siamo presenti sui mercati obbligazionari da oltre 30 anni. Le nostre strategie beneficiano di lunghi track record, che mostrano la solidità dei nostri processi nei vari cicli di mercato e l'efficacia di una gestione che pone al centro l'analisi del credito.

;
Nicolas Forest
Global Head of Fixed Income
La nostra gestione si contraddistingue per l'integrazione di tre elementi essenziali: la perfetta conoscenza degli emittenti, indipendentemente dal mercato e dalle agenzie di rating, il controllo rigoroso dei rischi e l'approccio ESG, in particolare su due assi specifici, ossia la governance e il rischio climatico.

Construction.svg

La gestione dei rischi in ogni fase del nostro processo

Nelle nostre scelte di investimento, selezioniamo solo emittenti in grado di dimostrare appieno la loro responsabilità. L'impegno alla performance, il controllo rigoroso del rischio e il monitoraggio dei criteri ESG sono i tratti distintivi della nostra gestione.

SourcePerfMultiples.svg

Impegnarsi appieno

La nostra prima convinzione riguarda la qualità degli emittenti, che selezioniamo puntando a generare valore per il portafoglio dei clienti. Ci preme anche accompagnare i clienti nei loro impegni ESG, per tendere verso un modello di business più virtuoso.

ProfondeurGamme.svg

Ampliare il raggio d'azione

Proponiamo una gamma di soluzioni d'investimento che coprono l'intero mercato obbligazionario, sia europeo che globale: dal breve al lungo termine, dal rischio minore a quello maggiore, con indice di riferimento o senza correlazione ai mercati. La nostra gamma ESG è classificata articolo 9 secondo la classificazione SFDR su tutti i segmenti obbligazionari.

Le cifre valgono più di mille parole.

42 mld €

di AuM

4

centri di competenza: credito, obbligazioni globali, debito dei mercati emergenti, convertibili

100%

delle strategie utilizza l'integrazione ESG

38

professionisti degli investimenti altamente qualificati

Una gestione indipendente

La nostra filosofia di investimento si basa sulla conoscenza dell'emittente, grazie alla quale valutiamo la capacità e la volontà dell'emittente di rimborsare il debito. Dedichiamo molti sforzi per ottenere un'opinione fondamentale sulle società, indipendente dalla valutazione del mercato e delle agenzie di rating. Questa indipendenza di visione è un pilastro della nostra gestione. 

GestionRisques.svg

Considerare in primis il rischio climatico

La nostra filosofia d'investimento pone l'accento su una buona conoscenza della governance dell'emittente e del suo rischio rispetto al cambiamento climatico, un rischio non tangibile oggi, ma che potrà essere molto discriminante in futuro. La nostra ossessione è avere sempre la piena consapevolezza del rischio assunto, per anticipare le eventuali insolvenze.

IndependanceVSmarches.svg

Mettere in campo strategie alternative

Diamo priorità a una gestione a convinzione su classi di attivi interessanti (alto rendimento, emergenti), strategie absolute return su tutti i segmenti obbligazionari alla ricerca di alternative ai tassi bassi, una gestione responsabile in risposta alle sfide sociali e normative.

Fondi

Vorresti saperne di più su questo fondo?

Scopri di più

  • Tutte le nostre pubblicazioni
  • Incontra i nostri esperti
  • Candriam sulla stampa

Main risks on Bond Strategies

  • Rischio di perdita di capitale
  • Rischio azionario
  • Rischio di tasso di interesse
  • Rischio di credito
  • High Yield risk
  • Rischio delle obbligazioni convertibili
  • Rischio di cambio
  • Rischio di liquidità
  • Rischio di concentrazione
  • Rischio di derivati
  • Rischio di controparte
  • Rischio di arbitraggio
  • Rischio dei mercati emergenti
  • Rischio sul debito cinese attraverso Bond Connect

Ultimi approfondimenti

  • Obbligazioni, Monthly Coffee Break

    Un quadro contrastante

    Ottobre ha offerto un quadro contrastante dopo i primi tre trimestri impegnativi.
  • Obbligazioni, Richard Briggs, Sovereign Sustainability

    Lula’s Amazon stance appeals but will he deliver on the economy?

    Luiz Inacio Lula da Silva narrowly won the second round of Brazil’s election, beating incumbent Jair Bolsonaro. Initial fears that Bolsonaro wouldn’t accept the result, particularly if it was tight, have receded. Bolsonaro said that he would follow the constitution and play by the rules, while his chief of staff, acknowledged the defeat.
  • Obbligazioni, Nicolas Forest

    Monetaria, fiscale... politica conflittuale!

    È piuttosto insolito che un Presidente della Repubblica francese critichi frontalmente la politica monetaria europea. Custode del paradigma monetario, la BCE assolve un mandato ben noto a tutti: mantenere l'inflazione attorno al 2%, a prescindere da qualsiasi politica fiscale.
  • Obbligazioni, Monthly Coffee Break

    Performance negative su tutti i fronti

    Dopo una tregua a luglio, ad agosto si sono registrate performance negative in quasi tutte le classi di asset. Per quanto riguarda i tassi del G10, gli investitori in Giappone hanno sofferto in minore misura (-0,97%), mentre il Regno Unito ha esibito le perdite più significative (-6,36%), seguito dai paesi periferici dell'EMU (-5,34%). I mercati core dell'EMU si sono comportati moderatamente meglio, facendo segnare -4,71%, un valore tuttavia molto distante dai titoli di Stato americani (-2,73%). I breakeven hanno tutti chiuso in territorio positivo, anche se di poco nell'eurozona.
  • Obbligazioni, Nicolas Forest

    Inflazione: quali le strategie per non essere colti alla sprovvista?

    L'inflazione è un fenomeno complesso. Tende a rafforzarsi quando gli agenti economici credono che sia presente. Ciò rende difficili la sua previsione, infatti, le banche centrali si sono in gran parte sbagliate nel corso degli ultimi anni. Dopo averla sovrastimata, occorre constatare come l'inflazione sia stata ampiamente sottostimata negli ultimi mesi sia negli Stati Uniti che in Europa.
  • Obbligazioni, Monthly Coffee Break

    Le tensioni geopolitiche continuano a pesare sul sentiment degli investitori

    La performance dei mercati finanziari è migliorata a maggio, con gli Stati Uniti che hanno ottenuto un rendimento positivo per la prima volta nell'anno. Le azioni si sono riprese dai minimi del 19 maggio e il dollaro ha perso valore, mentre la coppia EUR/USD è risalita intorno a 1,07.
  • Obbligazioni, Nicolas Forest

    ECB Hike

    Era il luglio 2011. Jean-Claude Trichet, nonostante la crisi del debito della zona euro, aveva alzato il tasso di riferimento all'1,50%. Era necessario combattere l'inflazione che si avvicinava pericolosamente alla soglia del …2,50 %. Il resto è noto, e ha traumatizzato più di un investitore obbligazionario, messo di fronte alla crisi dei debiti periferici e alla deflazione in Europa.

Ricerca rapida

Ottenere informazioni più velocemente con un solo clic

Ricevi approfondimenti direttamente nella tua casella di posta elettronica