Guardare la foresta crescere piuttosto che gli alberi cadere

All'inizio di gennaio, l’attesissimo Global Risks Report del World Economic Forum[1] ha presentato, come ogni anno, una panoramica dei principali rischi percepiti da 1.500 esperti di tutto il mondo . I rischi decretati i vincitori di quest'anno includono :

  • le incertezze economiche, esacerbate dall'inflazione e dall'esplosione del debito pubblico,
  • il cambiamento climatico e l'aumento degli eventi meteorologici estremi,
  • maggiore insicurezza e disinformazione amplificata dalle nuove tecnologie e dall'intelligenza artificiale,
  • la recrudescenza dei conflitti armati mentre metà della popolazione mondiale vota quest'anno,
  • il peggioramento delle disuguaglianze e l’erosione dei diritti umani.

Leggendo un rapporto del genere è difficile rimanere sereni, positivi e costruttivi.  Sembra però che gli investitori stiano “ignorando” questi rischi: gli indici del mercato azionario sono ai massimi storici, in gran parte sostenuti dai titoli tecnologici statunitensi, la volatilità è in calo, gli spread creditizi si sono ridotti costantemente dall’inizio dell’anno, nonostante l’aumento dei tassi di default. Inoltre i tassi di interesse, sebbene influenzati dall’inflazione, non hanno mostrato alcuna preoccupazione per lo scostamento di bilancio.

L'atteggiamento degli investitori, che ovviamente sono ben consapevoli dei rischi descritti nel rapporto, solleva quindi interrogativi. Dovremmo ignorare tali rischi o dovremmo farci prendere dal panico? Senza essere eccessivamente ingenui, non dovremmo guardare ai progressi in corso[2]? Se invece di guardare gli alberi cadere, guardassimo la foresta crescere?

Come non lasciarsi affascinare dalle potenzialità dell'intelligenza artificiale ? La performance di numerosi titoli azionari statunitensi illustra non solo l’appetito degli investitori, ma anche la prospettiva di una profonda trasformazione delle aziende in tutti i settori: IT, ovviamente, ma anche sanità, finanza, media e industria. Secondo IDC Worldwide, le dimensioni del mercato dell’intelligenza artificiale potrebbero raddoppiare entro il 2026 e, nel solo settore bancario, si stima che la spesa triplicherà nei prossimi anni. In questo contesto è comprensibile che la valutazione non sia delle più interessanti. Tuttavia, il settore tecnologico rimane una convinzione a lungo termine e oggi non stiamo assistendo a una bolla delle valutazioni, come è avvenuto alla fine degli anni '90.

Di fronte al cambiamento climatico, però, è difficile non preoccuparsi. Ogni nuovo anno è il più caldo mai registrato, le emissioni di carbonio hanno stabilito un nuovo record nel 2023 e la probabilità di superare l'obiettivo di 1,5 gradi stabilito dall'Accordo di Parigi è ora vicina all'80 %. Tuttavia, secondo una recente analisi NBER, un aumento della temperatura globale di 1°C potrebbe avere un impatto sulla crescita mondiale di quasi il 12% nei prossimi 6 anni, un impatto economico sei volte maggiore di quanto precedentemente calcolato. Con l'aumento di questi rischi e la relativa stanchezza degli investitori riguardo ai fattori ESG, dove possiamo trovare speranza ? Alcune buone notizie che vale la pena menzionare : nel 2023 abbiamo stabilito un nuovo record per l'elettricità generata da energie rinnovabili in tutto il mondo, quasi il 30%[3]. Il tasso di crescita dell'elettricità generata dal sole è superiore al 20%[4]. Secondo l’IEA, gli investimenti nelle energie rinnovabili dovrebbero triplicare per rispettare l’Accordo di Parigi. Gli investimenti quindi continueranno e beneficeranno di tecnologie ormai mature e più competitive rispetto ai combustibili fossili. In questo contesto, il forte deprezzamento del valore delle azioni “climatiche” rappresenta un’opportunità a lungo termine per gli investitori.

Il numero di conflitti armati ha raggiunto un livello record nel 2023. In un momento in cui il 50% degli elettori ha o dovrà votare nel 2024, sembra ancora difficile trovare qualche segno di progresso. Tuttavia,  la tendenza globale è quella di una diminuzione della povertà nel mondo; la povertà estrema continua a diminuire. Nel contempo, la riduzione delle disuguaglianze di genere sta facendo progressi. Secondo l'indice sull'uguaglianza di genere, il divario tra uomini e donne continua a ridursi, soprattutto in termini di accesso all'istruzione e all'assistenza sanitaria. L’aspettativa di vita continua ad aumentare, mentre l’invecchiamento globale della popolazione rappresenta una sfida importante per le economie occidentali e un’opportunità strutturale per gli investitori nel settore sanitario, un settore la cui valutazione è anche relativamente interessante.

Guardare la foresta crescere  piuttosto che gli alberi cadere. Nonostante l'onnipresente rischio politico e geopolitico e le sfide strutturali, i mercati finanziari si sono concentrati sui futuri tagli dei tassi delle banche centrali e sulla solida resistenza dell'economia. Anche se le valutazioni appaiono tese nella parte centrale dell'anno, esistono ancora opportunità per gli investitori e segnali di speranza per i cittadini.

 

 

Questo documento viene fornito esclusivamente a scopo informativo e didattico e può contenere opinioni di Candriam e informazioni proprietarie. Non costituisce un'offerta di acquisto o di vendita di strumenti finanziari, né costituisce un consiglio di investimento, né conferma alcuna transazione, salvo diversamente concordato espressamente. Sebbene Candriam selezioni attentamente i dati e le fonti che utilizza, non si possono escludere errori e omissioni. Candriam non può essere ritenuto responsabile dei danni diretti o indiretti risultanti dall'utilizzo di questo documento. I diritti di proprietà intellettuale di Candriam devono essere rispettati in ogni momento. Il contenuto di questo documento non può essere riprodotto senza previa approvazione scritta.

 

[1] https://www.weforum.org/publications/global-risks-report-2024/
[2] Il ritorno della guerra in Europa ha suonato la campana a morto per End of History di Francis Fukuyama del 1992. Tanto influente quanto controversa, questa teoria stabiliva che la fine della storia sarebbe culminata nel trionfo modello della democrazia occidentale. Con il ritorno degli imperi e la coalizione del Sud del mondo, la scommessa di Fukuyama sembra perduta, rendendo difficile vedere alcun significato o progresso nella recente storia contemporanea. Eppure Fukuyama, discepolo di Hegel, pose la domanda giusta sulla dialettica della storia. Per Hegel la storia è una storia del tutto, nella quale la Ragione è in movimento. La dialettica consente un superamento - Aufhebung - che muove la storia verso la sua fine. E anche la violenza e la lotta possono essere passi necessari verso la realizzazione del tutto.
[3] Fonte: EMBRA
[4] Fonte: AIE

OUTLOOK

Vuoi approfondire?

Scarica il nostro white paper “Half-yearly Investment Outlook".

Outlook

  • Nadège Dufossé, Outlook

    I venti del cambiamento

    La nostra strategia di allocazione per la seconda metà dell'anno si basa su un contesto economico che rimane favorevole per le azioni e in miglioramento per le obbligazioni. Prevediamo un rallentamento dell'attività negli Stati Uniti, in linea con uno scenario di " soft landing " (attività in decelerazione al di sotto del 2 % annualizzato a partire dalla seconda metà del 2024), una ripresa economica molto graduale in Europa e crescita ancora robusta in Asia.
  • Florence Pisani, Emile Gagna, Outlook

    Le banche centrali restano caute

    All’inizio dell’estate 2024 la crescita continua ma il suo ritmo rimane disomogeneo tra paesi e regioni. La Cina è ancora alle prese con pressioni deflazionistiche, l'Eurozona procede lentamente, mentre la crescita negli Stati Uniti, ancora vicina al 2% , sembra rallentare leggermente. Ovunque si siano avvertite, le pressioni inflazionistiche hanno continuato ad attenuarsi nel corso dei mesi, aprendo la strada ad un cauto allentamento della politica monetaria.

Ricerca rapida

Ottenere informazioni più velocemente con un solo clic

Ricevi approfondimenti direttamente nella tua casella di posta elettronica