Una risorsa che non deve più essere data per scontata

Come per molte altre risorse della terra, l’acqua non è mai stato un problema, finché non lo è diventato. Con l’aumento della popolazione mondiale e l’intensificarsi dei cambiamenti climatici, che portano incidenti estremi legati all’acqua come  inondazioni e siccità, il fragile equilibrio tra domanda e offerta di acqua è sempre più messo a dura prova. Con oltre 3  miliardi di persone che vivono in aree a rischio "alto" o "estremamente alto" di stress idrico[1] e con la qualità delle fonti idriche in degrado a causa dell'inquinamento, la nostra sicurezza alimentare e la nostra salute sono a rischio. Dobbiamo affrontare il water gap, ossia lo squilibrio tra la diminuzione della fornitura idrica sostenibile e l'aumento della domanda totale di acqua.

;
Bastien Dublanc & David Czupryna
Senior Portfolio Managers, Thematic Equity strategies
Mentre si profila una crisi idrica globale, c’è un bisogno urgente riallocare il capitale verso soluzioni resilienti all’acqua modelli e soluzioni di business.

Costruire un mondo sicuro per l’acqua: da dove iniziare ?

L'agricoltura e l’industria sono complessivamente responsabili del 90% dei prelievi idrici[2]. Per affrontare l’aggravarsi della crisi idrica, il mondo deve passare a sistemi agricoli più sostenibili e ridurre l’uso industriale dell’acqua e la produzione di acque reflue. Esistono soluzioni, sia sistemiche che tecnologiche, che possono contribuire a colmare il water gap ottimizzando l’utilizzo dell’acqua.

Per l’agricoltura, le pratiche agricole water-smart possono essere combinate con tecnologie intelligenti come le tecniche di irrigazione di precisione. Dal punto di vista industriale, l’uso di processi idrici a circuito chiuso, l’intensificazione delle pratiche di riciclo e il trattamento delle acque reflue sono passi nella giusta direzione.

Come individui, anche noi abbiamo un ruolo da svolgere, migliorando i nostri modelli di consumo idrico. Un primo passo, facile da attuare, può essere il passaggio a diete più attente all’utilizzo di acqua.

Infine, preservare e ripristinare la biodiversità può svolgere un ruolo fondamentale nell’aumento della disponibilità di acqua dolce.

Ci sono così tanti ambiti in cui si può fare la differenza!

Vuoi sapere di più? Nel nostro white paper esploriamo i molteplici aspetti del nostro rapporto con l'acqua e della sua gestione, nonché le potenziali soluzioni per migliorarne la sostenibilità.

Come affrontare l’incombente crisi idrica?

Le cifre valgono più di mille parole.

 

2,800 km3

Gap idrico annuale[3]

3,1 miliardi 

Persone che vivono in aree ad alto o estremamente alto rischio di stress idrico [2]

72%

del consumo globale di acqua dolce è dovuto all’agricoltura [5]

8,000

Litri d'acqua necessari per produrre un paio di jeans [6]

10%

dei prelievi idrici globali vengono utilizzati per la produzione di energia e di elettricità [7]

Gestire i rischi e scoprire opportunità di investimento

In molti settori, l’acqua è già, o sta diventando sempre più, un rischio operativo e come tale dovrebbe essere integrata nella pianificazione strategica e nell’allocazione del capitale. Inoltre, l’acqua è essenzialmente una questione locale, legata alla precisa ubicazione degli asset delle aziende: la loro vicinanza alle fonti di acqua dolce, la qualità di queste fonti, i potenziali impatti del cambiamento climatico... 





Un’analisi completa dei punti di forza, di debolezza, dei rischi e delle opportunità delle aziende – o degli emittenti – non può ignorare il fattore acqua.





Bastien Dublanc e Davi Czupryna, i nostri gestori degli investimenti tematici, illustrano il loro approccio in un'intervista, condividendo le loro prospettive sulle promettenti opportunità a disposizione degli investitori disposti a esplorare questa tematica secolare.

Investire in acqua: un tema ovvio per il futuro

Bastien Dublanc
Senior Portfolio Manager, Thematic Equity strategies
David Czupryna
Senior Portfolio Manager, Thematic Equity strategies
Fondi

Vuoi saperne di più sui nostri fondi?

[1] Istituto mondiale delle risorse (2023)
[2] Rapporto delle Nazioni Unite sullo sviluppo idrico mondiale (2023)
[3] Differenza tra approvvigionamento idrico sostenibile e domanda totale di acqua, Source World Resources Institute, Acqueduct Database 2020
[4] Istituto mondiale delle risorse, 2023
[5] Rapporto 2023 delle Nazioni Unite sullo sviluppo idrico mondiale
[6] https://www.aquatechtrade.com/news/industrial-water/cleaner-denim-groups-look-to-tackle-water-use
[7] MDPI (2022), Le acque reflue come fonte di energia rinnovabile

Tutte le strategie di investimento comportano rischi, compreso il rischio di perdita di capitale.

I rischi più significativi di questa strategia sono:

  • Rischio di perdita di capitale
  • Rischio azionario
  • Rischio di cambio
  • Rischio di investimento ESG

Per ulteriori dettagli sui rischi associati all'investimento nella strategia promossa, una descrizione generale e una spiegazione dei vari fattori di rischio è disponibile nella sezione Fattori di rischio dei relativi documenti normativi.

Ultime analisi

  • Astrid Pierard, Alix Chosson, ESG, SRI, Research Paper, Azioni, Water

    Rischi idrici: Come costruire strategie di investimento orientate all’acqua?

    In un mondo alle prese con l'aumento dei problemi idrici, dare priorità all'acqua come impegno aziendale strategico non è mai stato così importante. Gli impatti operativi e finanziari dei rischi idrici hanno iniziato a materializzarsi. La nostra convinzione è che le aziende debbano considerare e gestire l'acqua come il rischio strategico e operativo a lungo termine che può rappresentare.
  • Q&A, Bastien Dublanc, David Czupryna, Water

    Investire in acqua: un tema ovvio per il futuro

    Bastien Dublanc e David Czupryna, gestori della strategia di investimento idrico di Candriam, spiegano le ragioni per investire in questo tema, il modo in cui selezionano i loro titoli e cosa differenzia Candriam dalle altre società di gestione in questo settore.
  • C'era una volta l'umanità che inventò i PFAS (sostanze polifluoroalchiliche).
    Bastien Dublanc, Astrid Pierard, Jessica Carlier, ESG, SRI, Azioni, Research Paper, Water

    PFAS: Il genio decaduto

    C'era una volta l'umanità che inventò i PFAS (sostanze polifluoroalchiliche). Questi prodotti chimici , sviluppati negli anni ’40, hanno qualità così potenti (idro e oleorepellenti, resistenti in ambienti ad alta temperatura o pressione) che sono ora utilizzati ovunque sia per applicazioni domestiche che industriali, dall’imballaggio alimentare all’aviazione.
  • Research Paper, Bastien Dublanc, David Czupryna, Azioni, Water

    Acqua: Come affrontare l’incombente crisi idrica?

    L’acqua non sostiene solamente l’esistenza umana, ma l’intero ecosistema. Con l’aumento della popolazione mondiale e l’intensificarsi dei cambiamenti climatici, che portano a incidenti idrici estremi, dall'alluvione alla siccità, l'equilibrio delicato tra l'offerta e la domanda di acqua è sempre più sotto pressione.

Ricerca rapida

Ottenere informazioni più velocemente con un solo clic

Ricevi approfondimenti direttamente nella tua casella di posta elettronica