Al cuore dell’inflazione

Su entrambe le sponde dell’Atlantico, l’inflazione è  stata senza dubbio un tema importante per tutto il 2023. Alla fine dello scorso anno, il proliferare di buone notizie su questo fronte ha alimentato il calo dei tassi di interesse a lungo termine e le aspettative di tagli dei tassi a breve termine da parte della Banca Centrale Europea e della Federal Reserve. Quest'ultimo sembra addirittura aver fatto una svolta durante il comitato di politica monetaria di metà dicembre, sostenendo in particolare che sarebbe stato attento a non commettere l'errore di mantenere una politica monetaria troppo restrittiva... troppo a lungo! La lotta contro l’inflazione iniziata nel 2022 dalle banche centrali sta volgendo al termine?

La serie di articoli che stiamo iniziando oggi ha l'obiettivo di fare il punto su questa questione.

Una battaglia non ancora vinta  

L'osservazione

Sia negli Stati Uniti che nella zona euro, l'inflazione si è attenuata nel 2023 (grafico 1). Inizialmente alimentato dal calo dei prezzi dell'energia e delle materie prime agricole, questo calo è poi stato sostenuto dalla diminuzione dell'inflazione di base (escludendo cioè energia e alimentari).

 

Ritorno alla normalità nei prezzi dei Beni

Le catene di approvvigionamento e il commercio globale sono stati profondamente disturbati durante la pandemia: il conseguente aumento dei prezzi dei beni è stato notevole negli Stati Uniti e, in misura minore, nella zona euro. Quattro anni dopo lo scoppio della pandemia, queste tensioni si sono attenuate: le aziende del settore manifatturiero riferiscono che i tempi di consegna sono tornati alla normalità (grafico 2) e il costo del trasporto marittimo è quasi tornato ai livelli del 2019 (grafico 3).

Negli Stati Uniti, l'inflazione dei beni è tornata al livello pre-pandemico, prossimi allo 0%. Se questo ritorno alla normalità ha richiesto più tempo nella zona euro, è perché si è dovuto digerire uno shock molto specifico: l'aumento del prezzo dell'energia,  in particolare del gas naturale! Tuttavia, la tendenza al ribasso dell'inflazione dei prodotti manifatturieri è ampiamente in corso, con i prezzi che sono addirittura diminuiti negli ultimi tre mesi!

I recenti eventi nel Mar Rosso sono un promemoria della vulnerabilità del commercio mondiale alle tensioni geopolitiche. A seguito di una serie di attentati nel Mar Rosso, diverse grandi compagnie di navigazione hanno dirottato le loro navi dal Canale di Suez: ciò aumenta i tempi di consegna delle merci (la deviazione attraverso il Capo di Buona Speranza aumenta dal 30% al 40% la durata dei viaggi tra Europa e Asia) e porta ad aumenti significativi dei costi assicurativi e del carburante. Quanto più durerà questa situazione, tanto più aumenterà il rischio di vedere nuove tensioni sui prezzi dei beni…

 

 

Inflazione da affitti: un problema americano sull’orlo della normalizzazione 

Anche gli Stati Uniti si trovano ad affrontare un problema davvero unico: il drammatico aumento degli affitti. Anche in questo caso, però, le cose si stanno muovendo nella giusta direzione. Da oltre un anno, i canoni di locazione per le case che vengono inserite sul mercato degli affitti hanno registrato una marcata decelerazione (grafico 4) e addirittura una leggera diminuzione, secondo l'indice pubblicato da Apartment List. . Non sorprende che questa decelerazione non sia pienamente riflessa nell'indice dei prezzi degli affitti pubblicato dal BLS: quest'ultimo misura non solo gli affitti per le nuove proprietà messe in affitto, ma tutti gli affitti pagati dalle famiglie americane. È quindi naturalmente più inerziale. La sua marcata decelerazione dall'inizio dell'anno scorso è tuttavia rassicurante e dovrebbe continuare nel 2024. Ciò è tanto più importante in quanto gli affitti pesano quasi per il 33% nell'indice dei prezzi al consumo (e per il 41% nel sottoindice dei prezzi di base)!

 

Prezzi dei servizi: un rallentamento ancora in corso 

Sebbene i prezzi degli immobili (e gli affitti negli Stati Uniti) si siano normalizzati o siano sul punto di farlo, un ritorno sostenibile dell’inflazione a un ritmo più in linea con gli obiettivi delle banche centrali richiederà un calo più marcato dell’inflazione. Tuttavia, per la maggior parte di questi servizi, la manodopera rappresenta la quota più ampia dei costi di produzione. Per le banche centrali, vincere la lotta contro l’inflazione sembra quindi richiedere il controllo dell’inflazione salariale.

 

Ulteriori dettagli saranno forniti in un prossimo episodio...

 

 

Questo materiale é fornito a scopo esclusivamente informativo, non costituisce un’offerta per l’acquisto o la vendita di strumenti finanziari, né rappresenta un consiglio di investimento o una conferma di transazione di alcun genere, eccetto laddove non sia espressamente così convenuto. Sebbene Candriam selezioni attentamente le fonti e i dati contenuti in questo documento, non si può escludere a priori la presenza di eventuali errori od omissioni. Candriam declina ogni responsabilità in relazione ad eventuali perdite dirette o indirette conseguenti sull’uso di questo documento. I diritti di proprietà intellettuale di Candriam devono essere rispettati in ogni momento e il contenuto di questo documento non può essere riprodotto senza previo consenso scritto da parte della stessa.

 

Related News

  • Macro, Inflation, Emile Gagna

    Zona euro: mercato del lavoro ancora in tensione

    Al pari degli Stati Uniti, anche nel mercato del lavoro dell’eurozona si registra un’elevata tensione. Tuttavia, la natura delle tensioni è molto diversa.
  • Macro, Inflation, Emile Gagna

    Stati Uniti: un mercato del lavoro ancora teso

    L'evoluzione dei salari, che riflette le tensioni sul mercato del lavoro, gioca un ruolo importante nella formazione dei prezzi, in particolare di quelli dei servizi.
  • Macro, Inflation, Emile Gagna

    Al cuore dell’inflazione

    Su entrambe le sponde dell’Atlantico, l’inflazione è stata senza dubbio un tema importante per tutto il 2023.

Ricerca rapida

Ottenere informazioni più velocemente con un solo clic

Ricevi approfondimenti direttamente nella tua casella di posta elettronica